Come Operiamo

IAG ha disegnato un processo di investimento strutturato e trasparente, che ha l’obiettivo di far investire i propri soci nelle migliori startup italiane. Il processo si articola in 5 fasi: candidatura progetto, screening di gruppo, selezione finale, presentazione ed esecuzione dell’investimento.

 1. Candidatura progetto

Per presentare la propria iniziativa imprenditoriale ed entrare in contatto con il team IAG per una prima valutazione è necessario seguire i seguenti passaggi:

1. Assicuratevi che il vostro progetto rientri nel nostro focus di investimento (per industry, stadio di sviluppo, investimento ricercato e scalabilità), prima di inviare qualsiasi materiale leggere attentamente qui. Progetti meritevoli ma fuori target non saranno presi in considerazione

2.Completate l’application form online.

3.Versate il contributo di €50 (seguendo il link) affinché il team IAG avvii il processo di valutazione.  Il contributo non è in nessun caso rimborsabile.

4. Aspettate un contatto dal nostro team che, verificata la coerenza del progetto con il focus di investimento, fisserà un videopitch in cui presentare il vostro progetto. Prenotate il vostro slot per il video pitch (10 minuti di pitch + 10 minuti di Q&A).

Si ricorda che i soci IAG sono liberi di identificare le imprese di proprio interesse, pertanto non garantiamo all’impresa proponente l’ammissione alla giornata di company presentation.

 2. Screening di gruppo

VALUTAZIONE TEAM IAGSulla base dell’esito del video pitch e dell’analisi dei documenti presentati, il team IAG valuta se portare il progetto all’attenzione dei Soci IAG.

VALUTAZIONE SOCI IAG – I GRUPPI DI SETTORE: In questa fase si forma un gruppo soci con competenze di settore (da 3 fino a 10, in genere), che analizza la documentazione in maniera confidenziale. Se d’interesse, il gruppo propone alla startup un incontro di approfondimento. Dopo l’incontro, eventualmente sulla scorta di altre attività e approfondimenti di pre-due diligence, il gruppo di valutazione esprime il proprio parere.  Se il parere è positivo, uno o due soci si proporranno come sponsor per portare il progetto in Comitato di Screening.

3. Selezione Finale

La selezione finale è operata dal Comitato di Screening, composto dal managing director e da 7 soci, che si riunisce con cadenza bimestrale per selezionare i progetti da invitare alla riunione di company presentation.  Gli imprenditori, accompagnati dai soci IAG-sponsor, vengono invitati a presentare il proprio progetto ai membri del comitato.

I progetti scelti dal Comitato di Screening riceveranno un’offerta non vincolante (LOI) da sottoscrivere prima di presentare alla giornata di Company Presentation.

4. Presentazione ai Soci

Ogni anno IAG organizza cinque giornate di Company Presentation. La Company Presentation è il momento in cui i founder delle aziende selezionate presentano la propria iniziativa e l’opportunità d’investimento ai soci.

A fine giornata, ogni socio individualmente indica l’importo che sarebbe disposto ad investire nel progetto.  In questa fase l’indicazione di interesse non ha valore vincolante, trattandosi di “soft commitment” subordinato fra l’altro, al superamento della due diligence.

5. Esecuzione dell’investimento

Se le opportunità presentate ai soci hanno raggiunto il ticket di investimento minimo, i soci sponsor avviano la due diligence, durante la quale verranno fatte verifiche approfondite sulla tecnologia, sui brevetti, sul business e sugli aspetti legali. In parallelo, vengono predisposti i contratti di investimento e la documentazione legale necessaria all’operazione.

Terminata la due diligence i soci sono invitati a confermare il soft  commitment espresso durante la Company Presentation. Coloro che confermeranno il proprio soft commitment, coordinati dagli sponsor, ormai diventati “deal champion”, procederanno a finalizzare in autonomia l’operazione, predisponendo la contrattualistica e il veicolo societario ad hoc che effettuerà l’investimento.

6. Gestione post-investimento

Ad investimento avvenuto il “deal champion” diventa l’interlocutore di riferimento dell’azienda e aiuterà la startup su quattro fronti principali:

-Trovare clienti (“business development”),

-Trovare talenti per completare il team (“recruiting”),

-Trovare altri capitali, se necessario, per i round successivi di finanziamento (“fundraising”),

-Supportare il team imprenditoriale nell’individuazione delle migliori strategie di sviluppo.

La società assicurerà ai champion e al veicolo IAG un adeguato flusso informativo (inclusa reportistica trimestrale).

A partire dall’inizio del terzo anno dalla data del primo investimento, la società e gli angel valutano la fattibilità della exit strategy prevista dal contratto di investimento, se le condizioni del mercato e le performance raggiunte dalla società lo consentiranno.